2. I paesi di provenienza

Nella Tavola 2.1 viene presentata la ripartizione degli stranieri residenti in provincia per continente di provenienza, insieme alla corrispondente composizione della struttura per sesso ed età.

Tavola 2.1 Ripartizione e composizione degli stranieri per continente di provenienza
Continente Numero residenti % maschi % minorenni
Europa 24.395 50,0% 22,4%
Africa 31.521 64,9% 27,2%
Asia 9.404 61,7% 26,3%
America 5.946 33,7% 23,2%
Oceania 21 47,6% 4,8%
Apolidi 6 66,7% 33,3%

Tuttavia, le indicazioni che forniscono le cifre riportate nella tavola rischiano di essere troppo generiche, perché nascondono il peso che pochi singoli stati hanno sui numeri complessivi. Per esempio, l'Africa si conferma il primo continenze per presenze assolute, di cui però quasi la metà si riferiscono al solo Marocco, e poco meno di un quarto al Senegal. Quindi, 3 africani residenti in provincia su 4 provengono da due soli stati. Diventa più utile quindi discutere i numeri relativi ai singoli stati di provenienza, che vengono rappresentati cartograficamente nella Figura 2.2 [Vedi nota 1], e, limitatamente ai sedici stati che superano in provincia le mille presenze assolute, presentati nella Tavola 2.3.

Figura 2.2 Rappresentazione cartografica delle presenze assolute a fine 2005 distinte per paese di provenienza.

Tavola 2.3. Ripartizione e composizione degli stranieri per i principali paese di provenienza
Stato Presenze % cum.
presenze
% maschi % minorenni var. %
presenze
2002_2005
Marocco 14.976 21,0% 61,0% 31,9% 58,3%
Albania 8.779 33,3% 56,8% 27,8% 78,1%
Senegal 7.251 43,5% 79,8% 17,1% 50,2%
Romania 5.369 51,0% 54,8% 21,4% 293,6%
India 3.941 56,5% 68,2% 27,2% 126,2%
Bolivia 2.013 59,4% 35,9% 32,6% 297,0%
Ucraina 1.889 62,0% 18,1% 8,4% 991,9%
Serbia e Montenegro 1.770 64,5% 57,9% 38,8% 13,6%
Pakistan 1.753 67,0% 68,6% 28,8% 123,3%
Tunisia 1.718 69,4% 65,1% 29,1% 63,6%
Cina 1.716 71,8% 51,2% 29,0% 134,7%
Egitto 1.624 74,1% 74,9% 25,2% 99,5%
Ghana 1.435 76,1% 57,1% 30,8% 52,7%
Costa d'Avorio 1.158 77,7% 56,0% 30,5% 90,8%
Macedonia 1.054 79,2% 57,6% 29,6% 302,3%
Ecuador 1.034 80,6% 36,2% 27,2% 330,8%


Come si può notare, la concentrazione degli stranieri per paese di provenienza è molto forte: solo i primi quattro arrivano a coprire oltre il 50% del numero complessivo di stranieri residenti in provincia. Tuttavia, rispetto ai dati di fine 2002 il peso dei principali paesi di provenienza subisce una leggera flessione. Per esempio, i primi tre paesi per numero di presenze assolute, Marocco, Albania e Senegal, mantengono rispetto al triennio precedente la stessa posizione in graduatoria, scendendo però, se conteggiati insieme, dal 51% al 44% delle presenze complessive.

L'ultima colonna della Tabella 2.3 e il grafico in Figura 2.4 permettono di verificare in che misura il numero degli stranieri dei principali paesi di provenienza è cresciuto nel triennio 2003-2005 [Vedi nota 2]. In particolare, nel grafico l'altezza dei punti, che corrisponde per ciascuno stato al numero effettivo di stranieri a fine 2005, è comparabile con quella teorica ricavabile assumendo di applicare al numero di stranieri a fine 2002 lo stesso tasso di crescita provinciale relativo al triennio considerato. Diventa così evidente che la sensibile contrazione del peso delle tre principali nazionalità è la conseguenza di una crescita delle loro presenze inferiore alla media provinciale. Ma ancor più chiara risulta la fortissima crescita di alcuni stati, che nel triennio in esame hanno visto letteralmente esplodere il numero dei loro cittadini residenti in provincia. L'Ucraina ha visto in tre anni moltiplicarsi per quasi undici volte le presenze iniziali, portandole a circa 2000 unità, più o meno come la Bolivia che le ha che quadruplicate. L'incremento dei Romeni, all'incirca uguale a quello dei boliviani, ne ha fatto la quarta nazionalità più rappresentata in provincia, con una presenza assoluta superiore alle 5000 unità. Macedonia ed Ecuador hanno registrato incrementi percentuali superiori a quelli di Bolivia e Romania, portandosi entrambi poco sopra le mille unità.

Figura 2.4.  Presenze a fine 2002 e a fine 2005 per i principali paesi di provenienza e comparazione con i valori teorici corrispondenti al dato provinciale.

Per finire, la Figura 2.5, mostrando per ciascuna provincia della Lombardia il peso dei paesi con una presenza relativa superiore al 10%, permette di confrontare la situazione bergamasca con quella delle altre province della stessa regione.

Figura 2.5. Principali paesi di provenienza nelle province della Lombardia

La massiccia presenza di albanesi e marocchini è una costante per la maggior parte delle province lombarde. Da questo punto di vista la situazione bergamasca non è molto dissimile da quella bresciana o lecchese, per citare due province confinanti, o anche Varese, mentre la provincia che più si distingue nel panorama lombardo è quella di Milano, dove le nazionalità più rappresentate (Filippine ed Egitto), superano di poco, peraltro uniche tra le undici province della regione, la soglia del 10%.



Note
  1. In visualizzazione, lo scorrimento dell'immagine alle abituali risoluzioni è necessario per far meglio percepire i rapporti relativi tra il numero di stranieri provenienti dai singoli paesi, rappresentati dalla dimensione delle torte. [Torna su]
  2. Forse i dati relativi a Serbia e Montenegro nascondono almeno in parte variazioni anagrafiche che non riflettono effettivi movimenti sul territorio. E' possibile infatti che la revisione e validazione delle schede anagrafiche individuali in previsione dell'adozione della Carta d'Identità Elettronica possa avere comportato una diminuzione del numero di stranieri precedentemente registrati come cittadini jugoslavi, così come è possibile che l'espresione aggiuntiva "ex Jugoslavia", che si è data lo stato della Macedonia e che si ritrova anche sul modulo Istat per la rilevazione delle presenze dei cittadini stranieri, abbia artificialmente aumentato le presenze di quest'ultimo Paese. Si tratta però di congetture che avrebbero bisogno di altri riscontri, al momento non disponibili. [Torna su]

 
 
precedente: introduzione